ANCHE TU PUOI ESSERE UN MARITO IDEALE!

Risultati immagini per come diventare un marito ideale

La «routine coniugale»: che definizione atroce! Quando si instaura, va tutto storto: gli spaghetti sono tiepidi, il burro è troppo duro per le fette biscottate, la vita di coppia va a catafascio. Tutto ciò può accadere dopo dieci anni di matrimonio, così come dopo trenta o dopo soli sei mesi. Ci capita addirittura di vedere coppie che escono dal municipio con un’aria annoiatissima. Quando succede, dentro di noi ci diciamo: «Quei due non andranno lontano!» Di chi è la colpa? Come si arriva a tanto? Che cosa soffoca l’ardente fiamma dell’amore?

Non lo sappiamo, ma i risultati sono sotto gli occhi di tutti: ogni anno quasi la metà delle coppie sposate si separa o divorzia, dopo una media di una quindicina d’anni di vita in comune. L’altra metà spesso va avanti guardandosi in cagnesco.

«Basta!», diciamo noi. Esiste un sistema per arrestare questa emorragia del sentimento amoroso e, come sempre, la sua efficacia dipende unicamente da te, caro lettore.

Se vuoi che il tuo matrimonio duri nel tempo e che i dissapori si sciolgano come neve al sole, il percorso da seguire è semplicissimo: diventa un Marito Ideale.

Come noi.

Ebbene sì, è ora di rivelarlo: siamo sposati e le nostre mogli sono soddisfattissime di noi (vedi le testimonianze delle nostre consorti a p. 151).

Perciò, caro amico, anche tu puoi diventare un Marito Ideale. Ci rendiamo conto che, detto così, può sembrare una cretinata, eppure è possibile. Sia il maritino giovane, che, sopraffatto dall’entusiasmo, si butta a pesce sulla sposina non lasciandole un attimo di respiro, sia il coniuge navigato e un po’ pingue, che ormai conosce tutte le astuzie della vita di coppia e pensa di non avere più nulla da imparare, possono diventare Mariti Ideali. Osiamo dire che persino il coniuge anzianotto, temprato dal fuoco dei bisticci coniugali, può accedere a questa onorificenza suprema. Gli autori, Antilogus e Festjens, affermano arditamente che non c’è età per essere un Marito Ideale. Non è fantastico?

Va bene, d’accordo, ma che cos’è il Marito Ideale, si chiederanno gli spiriti cartesiani? Il tipo che porta giù l’immondizia? Quello che apre la portiera alla Consorte quando scende dalla sua utilitaria? Naturalmente, ma non solo. Perché la Consorte – con la maiuscola, detto per inciso – è molto esigente (e molto chic).

Ovviamente, immaginiamo già le reazioni indignate dei nostri lettori più scontrosi: «Se quei dannati bellimbusti pensano di potermi insegnare qualcosa, che vadano a raccontare le loro fandonie a qualcun altro! Io passo a un altro libro. Sono già un Marito Ideale!»

Accipicchia!

Non prendere decisioni affrettate, vecchio testone! Pensi di essere già un Marito Ideale? Non abbiamo dubbi. Ma fino a che punto? Sì, lo sappiamo che sembra incredibile, ma non ci sono limiti all’idealità. (PIERRE ANTILOGUS JEAN-LOUIS FESTJENS)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.