L’esercito dei 14 bambini – Emmy Laybourne

51mybdr5owlL’esercito dei 14 bambini

Emmy Laybourne

Traduttore: G. Silvano
Editore: Newton Compton
Collana: Vertigo
Genere: Fantasy
Pagine: 275 p.
Descrizione: Quattordici studenti di diverse età sono rimasti intrappolati all’interno di un gigantesco supermercato a Monument, in Colorado. Lì dentro c’è tutto ciò di cui potrebbero aver bisogno: cibo di ogni genere, vestiti, videogiochi e libri, farmaci e ogni tipo di bevanda alcolica… e senza la supervisione di un adulto possono fare quello che vogliono. Potrebbe anche essere divertente. Purtroppo la verità è che fuori da lì il genere umano sta scomparendo a causa di catastrofi naturali e della dispersione di sostanze chimiche nell’atmosfera che, a seconda del gruppo sanguigno, possono provocare nelle persone disturbi paranoidi, accessi di violenza o addirittura la morte. I bambini devono rimanere all’interno, costretti ad attrezzarsi per la sopravvivenza, senza sapere se potranno mai uscire. Nonostante la giovane età, saranno in grado di cavarsela e guadagnarsi un futuro?

Recensione

Maryella B.
Sentivo delle sirene in lontananza. C’erano delle colonne di fumo che salivano da altri posti. Una proprio dal nostro scuolabus in fiamme, quindi non era facile immaginare da dove venissero le altre.
Mi ricordo che pensai che la nostra città aveva preso una bella botta. Mi chiesi se avremmo ricevuto degli aiuti speciali tipo crisi nazionale.

Settembre 2024, a causa della terribile eruzione di un vulcano – la più grande eruzione nella storia – l’umanità è in pericolo.

[…] il lato ovest di tutta l’isola (di Palma nelle Canarie) era esploso con l’eruzione del vulcano. Cinquecento miliardi di tonnellate di roccia e lava si erano catapultate nel mare. L’esplosione aveva creato un “mega tsunami”.
Un’onda alta ottocento metri.[…] Il mega tsunami aveva colpito la costa est degli Stati Uniti alle 4:43 della mattina.
Boston, New York, Charleston, Miami.
Erano tutte state colpite.
Non riuscivano a calcolare il numero delle vittime.

Quattordici ragazzi, di età diversa, si stanno recando a scuola quando la loro vita viene stravolta. Riescono a trovare rifugio all’interno di un supermercato: hanno a disposizione ogni bene di necessità che potrebbe consentire loro la sopravvivenza per mesi. I giovani studenti cercano di affrontare l’emergenza nella speranza di poter uscire all’esterno e ritrovare le famiglie di cui non hanno alcuna notizia. Purtroppo la situazione non migliora:  gli eventi catastrofici che si sono succeduti hanno provocato la parziale distruzione della struttura di deposito di armi chimiche del Comando di Difesa Aerospaziale del Nord America; tutti i residenti della regione del sudovest degli Stati Uniti devono rimanere al chiuso e sigillare porte e finestre per evitare i terribili effetti collaterali derivati dal contatto con gli agenti liberati nell’aria. A seconda del gruppo sanguigno di appartenenza le persone potranno manifestare conseguenze di tipo diverso.

[…] Le persone con il gruppo A svilupperanno vesciche sulla pelle esposta. Dopo un’esposizione prolungata gli organi interni inizieranno a sanguinare, portando a emorragie interne e al decesso».

«Chi ha il gruppo sanguigno AB soffrirà di visioni paranoiche e possibili allucinazioni».

«Non c’è ancora chiarezza sugli effetti a cui andranno incontro coloro che hanno il gruppo sanguigno B, è possibile che soffriranno di difficoltà riproduttive a lungo termine e sterilità. Ma si spera che il gruppo B non abbia conseguenze dall’esposizione al composto».

«Le persone con gruppo sanguigno 0, il più comune, diventeranno squilibrati e violenti. Evitate queste persone ad ogni costo. Si consiglia di rinchiuderli in armadi o seminterrati, se possibile».

La voce di Dean, uno degli adolescenti intrappolati nel supermercato, ci guida alla scoperta di questa storia che segna l’inizio di una trilogia: con lui il fratello, Alex, piccolo genio dell’elettronica; Batiste, proveniente da una famiglia molto religiosa; Ulisse, ragazzino messicano; Sahalia, ragazza di tredici anni ma che pretende di avere atteggiamenti da adulta; Brayden, bullo che prende spesso di mira Dean; Jake, il più grande del gruppo ed eroe del football; Astrid, campionessa della squadra di nuoto e ragazza di cui Dean è innamoratissimo; Niko, a cui, anche grazie all’esperienza scout, viene affidata la leadership del gruppo; Josie che saprà prendersi cura dei più piccoli; Chloe che frequenta la terza elementare e i due piccoli gemelli Caroline e Henry.

I 14 ragazzi organizzeranno le giornate assegnando a ognuno un compito diverso, ottimizzando l’uso degli spazi e delle risorse e gestendo i rapporti personali che non sempre sono semplici. A un certo punto, la loro “società” viene, però, scossa dalla decisione di accogliere, per un periodo limitato, degli adulti: le cose non vanno per il meglio, la situazione precipita ed è necessario  fare delle scelte che potrebbero avere conseguenze disastrose.

Ho trovato che, dopo un inizio molto avvincente,  la storia cominci ad avviarsi verso una parte centrale più statica, in cui non accade molto e la tensione che si era creata nel primo terzo della narrazione inizia a scemare, lasciando spazio a momenti caratterizzati più  dalla quotidianità, dall’interazione tra i ragazzi e che punta l’attenzione soprattutto sulla difficoltà della convivenza, sulle rivalità, le amicizie, i rapporti fraterni, gli amori corrisposti e non. Nella parte finale, che però è un cliffhanger in piena regola, la curiosità sale di nuovo alle stelle.

L’esercito dei 14 bambini viene presentato come erede di Hunger Games e paragonato, per alcune caratteristiche, a Divergent: la critica ufficiale è entusiastica, lo definisce un vero thriller (Booklist), spaventoso e affascinante ( New York Times), le vendite forniscono numeri altisonanti che si aggirano attorno alle 300.000 copie. Insomma, un enorme successo, che ha portato le mie aspettative davvero in alto. Devo dire che probabilmente devo essere rimasta tra le poche a non avere ancora letto le due serie sopracitate, il che non mi consente di avere gli strumenti adeguati nel poter giudicare se il paragone coi libri di Suzanne Collins e Veronica Roth sia corretto: ciò non toglie, però, che ho trovato molto carente questa storia, manchevole sotto diversi aspetti, sia in termini di suspense e tensione, sia d’azione. Mancava del tutto la componente thriller e a parte alcuni passaggi più adrenalinici e segnati da un’atmosfera drammatica, non sono riuscita ad avvertire le sensazioni spaventose cui rimanda il New York Times.

Non posso dire che la prosa dell’autrice non abbia dei pregi: la scrittura è agevole, semplice e diretta, ma non ha saputo superare l’ostacolo di un’approfondimento, sia sotto l’aspetto del copione ricreato – in alcuni passaggi abbastanza povero e privo di mordente – sia della caratterizzazione dei personaggi, piuttosto banali, poco interessanti e con atteggiamenti quasi disturbanti riguardo ad alcune situazioni in cui c’è una sorta di sovraesposizione sessuale che non mi è piaciuta granché. Era necessario curare maggiormente quella che mi è parsa più una bozza – anche con un certo potenziale – che un lavoro ben definito. Le mie esigenze di lettrice non sono state appagate: in qualche maniera, da una lettura che si pone come sintesi tra catastrofico e, forse, romanzo di formazione mi aspetto dei messaggi più incisivi, delle vigorose spinte verso la riflessione, atmosfere che sappiano suscitare vivida ansia, invece, non posso dire di aver avvertito questo tipo di pungolo. Al contrario sono stata infastidita da una rappresentazione accentuata di comportamenti troppo “adultizzati” di questi ragazzi, che, forse, rispondono a quanto accade nella realtà, ma che io non sono in grado di apprezzare. Mi trovo spesso di fronte alla difficoltà di entrare in sintonia con certe storie e personaggi e questo è uno di quei casi in cui ho faticato , anzi, non sono riuscita a farmi conquistare da quanto narrato: nonostante tutto, però, il finale tronco mi ha lasciato il desiderio di scoprire come se la caveranno i 14 bambini. Magari non subito, ma in futuro potrei decidere di continuare la lettura della serie.

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Aussie Mazz ha detto:

    Dal riassunto sembra una cagata enorme, anche se a volte i libri catastrofici possono rivelarsi meno ridicoli di quanto sembrino. Dalla tua recensione però non traspaiono molti spunti per dargli una chance. 😁

    "Mi piace"

    1. Maryella B. ha detto:

      Che posso dire? Mi accorgo di essere spesso molto critica nei confronti di libri che altre persone, invece, apprezzano, quindi non è detto che a te non possa piacere: tutto dipende dalle affinità che potrebbero accomunarci come lettrici.

      Piace a 1 persona

  2. Federico Aviano ha detto:

    Ho comprato il libro circa un anno fa e non l’ho ancora letto.
    Sapendo che é una trilogia che lascia in sospeso senza convincere, non so se mi giungerà l’ispirazione.
    Sicuramente sono stato spinto a comprarlo leggendo “il nuovo Hunger games”, che errore 😭

    Piace a 1 persona

    1. Maryella B. ha detto:

      Io l’ho letto perché era un titolo previsto in una sfida di lettura e non avendo letto Hunger Games non so se il paragone sia azzardato: fatto sta che non mi ha convinto, forse sono un po’ fuori target per questa tipologia di storie, troppo young e superficiali, secondo me. Però nulla toglie, come dico sempre, che un altro lettore riesca a cogliere elementi apprezzabili, d’altra parte ho incrociato diverse recensioni positive

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.