(Purché sia di serie #5) NUCLEUS – Rory Clements

Continuo a essere entusiasta delle strepitose idee di Chiara La lettrice sulle nuvole che si è inventata una nuova Rubrica indirizzata a tutte noi lettrici, o anche lettori, che iniziamo delle serie e poi, sia per mancanza di tempo che perché presi da altre novità librarie che non fanno altro che distrarci, non riusciamo a ultimarle. E anche oggi ripresento l’appuntamento sul Blog.

Ora non abbiamo più scuse! Purché sia di serie! è la soluzione ai nostri problemi: la rubrica ci pone l’obiettivo mensile di leggere un libro appartenente a una saga già iniziata precedentemente ( quindi non prevede la lettura del primo episodio) e poi di recensirlo sul blog senza porre le solite limitazioni degli spoiler che oltre che ben accetti sono, in questo caso, quasi d’obbligo. Se volete unirvi a noi non potrà che farci piacere: raggiungeteci nel Gruppo Facebook dedicato all’iniziativa.

 

banner

 

Questo mese, complice la mia collaborazione con MilanoNera che ringrazio per avermi fornito il file, ho scelto di recensire il secondo episodio di una serie che avevo iniziato diversi mesi fa.

 

Genere: Giallo storico: Suspense
Pagine della versione a stampa: 400 p.
Descrizione: 1939. La seconda guerra mondiale sta per esplodere e Tom Wilde sta rientrando dall’America dove ha incontrato il presidente Roosevelt, che gli ha affidato un compito del tutto inaspettato. Il professore deve infatti sfruttare la sua amicizia con il fisico Geoff Lancing, per tenere d’occhio gli scienziati del Cavendish, il laboratorio dove menti geniali stanno lavorando alla scoperta che potrebbe cambiare le sorti del mondo intero e da cui sembrano dipendere gli esiti dell’imminente guerra: la fissione nucleare. Appena tornato a Cambridge, si ritroverà anche a dover ospitare un famoso fisico fuggito dal campo di concentramento di Dachau e scoprirà che Lydia, la sua fidanzata, si è recata a Berlino per una pericolosa missione: la ricerca di un ragazzino scomparso durante uno dei Kindertransport organizzati per permettere a bambini ebrei di fuggire dalla Germania in Gran Bretagna e riuscire così a salvarsi. Quando uno dei migliori cervelli del Cavendish viene assassinato, il professor Tom Wilde viene coinvolto in un intrigo da cui non sembra esserci scampo. Mentre anche l’IRA mette sotto assedio l’Inghilterra, Tom Wilde dovrà scoprire di chi potersi fidare in una cospirazione che va da Cambridge a Berlino e dagli Stati Uniti all’Irlanda. Riuscirà a scoprire la verità prima che sia troppo tardi?

Recensione

Maryella B.

Maryella B. – proprietaria del Blog Le Trame del destino: Libri e dintorni – è anche redattrice presso MilanoNera: la presente recensione è stata  pubblicata in precedenza su MilanoNera e solo in seguito inserita legittimamente nel Blog, in quanto spazio letterario proprio dell’autore della recensione. 

Tom Wilde fu di ritorno a Cambridge nel primo pomeriggio di un caldo giorno degli inizi di giugno, una settimana prima che i corsi finissero. A marzo, quando era partito, si era ritrovato in mezzo a una violenta burrasca mentre tentava a fatica di raggiungere la stazione. Ora, mentre scendeva dal treno, il cielo era quello di una vera e propria estate inglese.

Secondo episodio di quella che in lingua originale è già una trilogia, Nucleus prosegue la serie il cui protagonista è Tom Wilde: i venti di guerra stanno sferzando l’Europa, le insidie della minaccia Nazista non sono più qualcosa di astratto e in quest’atmosfera cupa e ferale – su cui pesa lo spettro sempre più concreto di una corsa al programma atomico – l’anticonformista professore di storia, di ritorno da un viaggio in America, è nuovamente coinvolto in un caso di spionaggio dai risvolti inaspettati. A lui è stata affidata una missione delicatissima: infiltrarsi, grazie all’amicizia col fisico Geoff Landing, all’interno dell’Istituto Cavendish, dove illustri e geniali scienziati stanno lavorando  al progetto della fissione nucleare e a investirlo di tale responsabilità è lo stesso presidente degli Stati Uniti, Franklin Delano Roosevelt. Ma l’incarico assegnatogli, ben presto, assumerà lineamenti sempre più intricati e pericolosi, culminando con l’assassinio del Dr. Birbach, uno dei migliori cervelli del Cavendish. Tom Wilde intuisce di trovarsi al centro di una rete di cospirazioni quasi indecifrabile e capire di chi fidarsi diviene altrettanto difficile, quando è costretto a gestire, oltre al complesso mistero con cui si sta confrontando, i problemi sul fronte della vita privata, in cui i sentimenti per l’amata Lydia Morris sono messi a rischio da un’audace presenza femminile, che non gli cela il proprio interesse.

Non si vedevano da marzo e le cose fra loro non erano state facili nemmeno allora. Non c’era nessun motivo chiaro perché ci fosse tensione. Lui era stato occupato con la difficile revisione notturna della biografia di Robert Cecil; lei aveva lavorato duro per cercare dei giovani poeti da inserire nel progetto di un’antologia; lui voleva andare in America per vedere sua madre e per promuovere il libro; lei era occupatissima ad aiutare i rifugiati. Niente di irragionevole: solo una linea di frattura tra due vite impegnate.

Rory Clements trasporta il lettore in una raffinata spy-fiction di stampo storico, capace di ricreare con scrupolosa cura le ambientazioni di un’Europa sull’orlo del secondo conflitto mondiale e rendere credibili impianti scenici in cui realtà e fantasia si fondono in una sintesi perfetta. La suspense è in continuo crescendo e si alterna con momenti in cui la trama si fa araldo di urgenti messaggi di riflessione, legati alle descrizioni dell’orrore di una follia aberrante che va oltre la smania di potere e diviene priva di ogni misericordioso cenno di umanità, ma su cui giganteggia lo slancio eroico che animò innumerevoli uomini, la cui coscienza fu accesa da un pietoso sentimento di compassione. Figure che nel libro prendono vita nei personaggi di Tom e Lydia, ma che, soprattutto, vengono celebrate attraverso due nomi che non sono frutto d’invenzione: Frank Foley e Bertha Bracey, il cui coraggio e le incessanti azioni si opposero all’indiscriminato progetto di distruzione di ogni  parassita ebreo. Da qui viene l’energia suggestiva – calda e vibrante – che percorre le pagine di Nucleus: l’autentica spinta all’eroismo che si insinua lungo tutta la narrazione è il vero “Nucleo” di questa storia.

Io assegno tre stelle e mezzo a Nucleus e, come sempre, ringrazio Dolci Le mie ossessioni librose-. per il banner della Rubrica e vi invito ad andare a scoprire come se la sono cavata le mie compagne d’avventura.

 

 

Annunci

11 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ammetto di non aver letto la recensione solo perchè un paio di settimane fa ho partecipato al corso di scrittura organizzato proprio da La Corte e mi è venuta la curiosità di leggere i libri dell’autore. Però ne ho sentito parlar bene!

    Mi piace

    1. Maryella B. ha detto:

      Diciamo che non ho fatto spoiler, nonostante la rubrica lo preveda

      Mi piace

  2. CHIARA ROPOLO ha detto:

    sembra una storia avvincente

    Mi piace

  3. Ludovica ha detto:

    Ecco! Non ho mai letto una spy fiction… rimedierò e lo farò con questo!

    Mi piace

  4. emmablackauthor ha detto:

    Storia intrigante e recensione ottima! Ti rebloggo 😉

    Mi piace

  5. emmablackauthor ha detto:

    L’ha ribloggato su Emma Blacke ha commentato:
    Seguite questo bellissimo blog!

    Mi piace

  6. Saji Connor ha detto:

    Non conoscevo l’autore e la serie, mi sembra una storia interessante.

    Mi piace

  7. dolci73 ha detto:

    Avevo adocchiato questo libro anche io

    Mi piace

  8. chiccabloglibrintavola ha detto:

    oh ma vedi che roba interessante!
    lo dico io che questa rubrica è una figata!

    Mi piace

  9. Erica Libri al caffè ha detto:

    Non conosco né la serie né l’autore ma sembra davvero molto interessante

    Mi piace

  10. Non conoscevo né lo scrittore e né la serie, ma sembrano imperdibili

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.