Non fare domande – Sophie Hannah

9788811676287_0_0_300_75Non fare domande

Sophie Hannah

Traduttore: S. Lauzi

Editore: Garzanti Libri

Collana: Narratori moderni

Genere: Giallo, Thriller, Suspense

Anno edizione: 2018

Pagine: 407 p

Descrizione: Abbarbicata sulle colline del Devon, Speedwell House si staglia imponente contro il cielo terso. Appena la vede, Justine capisce che è la casa perfetta per lei. Qui potrà ricominciare da capo, lontano dal caos londinese, e dedicare più tempo alla figlia Ellen. Ma a soli quattro mesi dal suo trasferimento, la promessa di tranquillità di quella splendida villa viene spezzata. Ellen diventa improvvisamente taciturna e sempre più sfuggente. Un comportamento del tutto insolito a cui Justine non riesce a trovare spiegazione. Finché tra i compiti di letteratura della figlia non si imbatte in un tema, una storia breve di omicidi seriali commessi proprio a Speedwell House. Justine non può crederci. Ellen deve essersi immaginata tutto, così come si è immaginata anche il suo migliore amico George che, a detta degli insegnanti, non è mai esistito. A questa scoperta fanno seguito una serie di chiamate anonime: dall’altro capo del ricevitore la voce di una donna che si rivolge a Justine chiamandola «Sandie» e minacciando di ucciderla se non lascia al più presto il Devon. Quando questa voce le parla degli omicidi di cui ha scritto anche Ellen, Justine inizia ad avere paura e a chiedersi chi sia quella donna e che cosa voglia veramente da lei. Forse c’è un fondo di verità nella storia raccontata dalla figlia. E forse la donna senza volto delle telefonate anonime c’entra qualcosa. Per Justine è arrivato il momento di vincere la paura e andare a fondo della questione prima che sia troppo tardi. Perché non può permettere che qualcuno distrugga tutto il suo mondo. Non un’altra volta.

 

Recensione per MilanoNera

MaryellaB.

Maryella B. – proprietaria del Blog Le Trame del destino: Libri e dintorni – è anche redattrice presso MilanoNera: la presente recensione è stata  pubblicata in precedenza su MilanoNera e solo in seguito inserita legittimamente nel Blog, in quanto spazio letterario proprio dell’autore della recensione. 

 

Presenza abituale in casa Garzanti, Sophie Hannah, l’indiscussa regina del thriller psicologico inglese, torna a essere pubblicata dalla prestigiosa casa editrice che ne ha portato in Italia le indagini della riuscitissima coppia di detective – nonché moglie e marito – Charlie Zailer e Simon Waterhouse,
Con Non fare domande l’autrice anglosassone si stacca dalla sua serie più famosa e propone un romanzo autoconclusivo dalle inusuali fattezze, ma che non tradisce le consuete prerogative della sua scrittura: arguta indagine dell’animo umano, sottili giochi mentali, sfumato e inafferrabile confine tra verità e menzogna. Ed è il potere controverso dell’ambiguo rapporto tra realtà e finzione che marchia le pagine di A Game for All the Family – titolo originale di questa nuova prova letteraria della Hannah – che, proprio nella forma non tradotta, racchiude con incisiva efficacia l’essenza dell’incalzante sfida psicologica con cui il lettore dovrà confrontarsi, mentre l’imperativo della traduzione italiana – Non fare domande – suggerisce, per contrasto, una suggestione quasi provocatoria, tanto è improbabile arginare il fiume degli interrogativi che investiranno chi decidesse di affrontarne la lettura.
Sophie Hannah gioca: gioca coi suoi personaggi, circuisce le menti dei lettori con l’astuzia di chi conosce il mestiere. La sua è una strategia infida in cui la tensione è amplificata dall’avvicendarsi di razionalità e (forse?) delirio, che prendono forma nell’avvincente altalena rappresentata da una realtà tangibile – quella vissuta dall’io narrante della storia, la protagonista Justine – e dall’apparenza di una finzione che sembra rifiutare i panni dell’illusorietà percorrendo le vie della verosimiglianza e della credibilità.
Tutto inizia dopo il trasferimento della famiglia Merrison a Speedwell House, affascinante dimora che si staglia nel riposante paesaggio collinare del Devon: è qui, che Justine, alla ricerca di pace e tranquillità, vuole riappropriarsi di una dimensione da tempo perduta a causa dei troppi impegni lavorativi. È l’agognata possibilità di non fare Niente ciò che la protagonista rincorre e sembra che la nuova sistemazione possa realizzare i suoi desideri, ma una serie di casualità iniziano a stravolgere i progetti di serena permanenza: dapprima l’inquietante sensazione che il compito di letteratura svolto dalla giovane figlia Ellen – una storia di omicidi ambientata proprio a Speedwell House – possa essere qualcosa di più di una semplice opera di fantasia, poi la constatazione del cambiamento dell’adolescente – diventata più introversa e sfuggente – e non ultimo il susseguirsi di alcune telefonate anonime e minacciose che le intimano di tornare a Londra. Ed è proprio la voce sconosciuta della sua interlocutrice a trascinarla in un enigma dai contorni spiazzanti e quando la donna la chiama col nome di una delle protagoniste del giallo scritto da Ellen l’incubo si fa reale e le domande si affollano senza sosta.
È il folle vaneggiamento di una mente disturbata ciò che si nasconde dietro quelle telefonate? Quanta verità è presente nel mistero narrato dalla figlia? E come la ragazza è venuta a conoscenza di questa storia?
Non è più il momento di temporeggiare e diventa necessario agire per venire a capo di questa intricata matassa di eventi prima che gli angosciosi avvertimenti possano divenire qualcosa di più che vaghe minacce di morte.
L’autrice ordisce una trama insolita che si muove tra la rassicurante concretezza di ciò che appare e le sinistre impressioni di ciò che, invece, si mimetizza sotto quanto si mostra alla vista: con un approfondimento psicologico che non lascia nulla al caso la Hannah conduce il lettore verso un finale inaspettato e la cui marcata componente noir ribalta ogni certezza.

 

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Vijay Pratap ha detto:

    So nice 😉😉😉

    Piace a 1 persona

  2. inchiostronoir ha detto:

    Molto interessante, grazie!

    Piace a 1 persona

    1. Maryella B. ha detto:

      Grazie a te, felice domenica sera

      "Mi piace"

  3. leparoleinfinite ha detto:

    Bella recensione, complimenti

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.