Il diario segreto del cuore – Francesco Recami

Il diario segreto del cuore
Francesco Recami

Genere: Romanzo contemporaneo
Sottogenere: Noir
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 18 ottobre 2018
Pagine: 196 p.
Descrizione: Uno strano silenzio avvolge la casa di ringhiera, vuoto l’appartamento di Amedeo Consonni, vittima di uno scontro fatale nel cortile; lontana Angela Mattioli, legata all’ex tappezziere, che di stare in quella casa non ha voluto saperne più; alle terme la signorina Mattei-Ferri, che dalla sua finestra sul cortile registra entrate e uscite dal condominio; assente anche il De Angelis che si è allontanato non si sa bene per dove. Solo l’appartamento n. 15 è abitato regolarmente dalla famiglia Giorgi, anzi da Donatella con i precoci e inquietanti figli Gianmarco e Margherita, mentre il marito Claudio, ormai disintossicato dall’alcol, non è comunque ritornato in famiglia. Donatella ha scovato nella camera di Margherita il suo diario segreto. Trovarlo e leggerlo per la madre è un tutt’uno, scopre così un mondo che mai avrebbe potuto immaginare: dov’è la sua bambina in quelle pagine smaliziate ed esperte? Chi sono quelle compagne che sul sesso la sanno così lunga, e quegli accenni a panetti di droga cosa vorranno dire? Margherita si destreggia molto bene con la scrittura, ci sono i riassunti di libri che ha letto, osservazioni acute sulle prof, lettere al padre disinvolte e le risposte di Claudio. E poi c’è un segreto che aleggia, un segreto che Margherita non può affidare neanche al suo diario, qualcosa che ha a che fare con la casa di ringhiera e Amedeo Consonni… Donatella sente di dovere intervenire, di doversi vendicare di quelle compagne che stanno traviando la sua piccola innocente, e lo fa nel modo più incredibile, aiutandosi con la rete e il web ai quali proprio i suoi figli l’hanno iniziata.

Recensione

Maryella B.
Maryella B. – proprietaria del Blog Le Trame del destino: Libri e dintorni – è anche redattrice presso MilanoNera: la presente recensione è stata  pubblicata in precedenza su MilanoNera e solo in seguito inserita legittimamente nel Blog, in quanto spazio letterario proprio dell’autore della recensione. 
«Questo libro è particolarmente dedicato ai ragazzi delle scuole elementari, i quali sono tra i 9 e i 13 anni, e si potrebbe intitolare: Storia d’un anno scolastico, scritta da un alunno di terza d’una scuola municipale d’Italia. […] Egli notava man mano in un quaderno, come sapeva, quello che aveva visto, sentito, pensato, nella scuola e fuori […] Ora leggete questo libro, ragazzi: io spero che ne sarete contenti e che vi farà del bene.»
Edmondo De Amicis così scriveva nella dedica di Cuore, romanzo a cui è legato il suo successo letterario e alla cui struttura narrativa si ispira il settimo episodio della serie della Casa di ringhiera di Francesco Recami: in Il diario segreto del cuore, in effetti, il titolo, la volontà di ricostruire eventi che caratterizzano lo svolgersi di un anno scolastico, l’epistolario tra padre e figlia, la presenza di alcuni racconti morali ricalcano il modello dell’esperienza di cui Enrico Bottini – protagonista di De Amicis – si fa voce narrante e riecheggiano l’attenzione per i temi e le contraddizioni che agitano la società.
Entrambi gli autori ci offrono uno spaccato attento di un universo collettivo che fa dei personaggi i testimoni di una molteplicità di istanze e sentimenti ed entrambi mirano a far giungere al lettore un’ambasciata dall’intenzione marcatamente sociologica.
Ma è nell’atteggiamento, nella dissimulazione del pensiero, nell’indagine sul comportamento umano, nella spinta alla riflessione, nei destinatari del messaggio che intende veicolare e nel presagio di una catastrofe inevitabile che avviene la frattura tra Recami e De Amicis.
L’autore fiorentino usa gli strumenti a lui più congeniali, che, incidendo con la precisione di un taglio chirurgico, squarciano l’anima di un microcosmo la cui verità, descritta dall’inchiostro paradossale e grottesco di un’ironia sapiente, nasconde le fattezze del dramma: il dramma che si annida nel disorientamento di doversi confrontare con mutamenti sociali dalla natura infida e difficilmente decifrabile; il dramma segnato dalla sfida di essere costretti a muoversi all’interno di una dimensione subdola – rappresentata dalla realtà dei social – in cui destreggiarsi richiede lungimiranza e giudizio; il tragico conflitto che, ancora una volta, assume la fisionomia di una commedia umana dal carattere sfaccettato e che scandisce l’inadeguatezza di doversi misurare con un ruolo complesso e delicato quale quello di essere genitori e dell’esserlo di ragazzi che si affacciano in un mondo problematico come l’adolescenza e, infine, svela l’allarmante spettacolo di una gioventù dai tratti “precocemente adultizzati”, che si fa disgraziato araldo di un depauperamento emotivo che la vuole incapace di provare empatia per i propri coetanei, macchiandola di squallori quali il bullismo e catapultandola in un gorgo dal volto apparentemente seduttivo ma le cui spire non lasciano scampo.
Recami affida a Il diario segreto del cuore – attraverso la voce di Margherita e degli altri strambi personaggi che ne calcano il palcoscenico – un ritratto impietoso, delineato da pennellate che hanno l’energia della denuncia sociale, in cui gli attori sanno allestire il misero disgregarsi delle certezze legate all’appartenenza generazionale, tracciano il profilo sferzante di una debolezza dei ruoli – in cui i genitori non sanno fare i genitori e i ragazzi non sanno vivere la loro età – e riescono a inscenare l’inesorabile adulterazione dei valori, sempre più fiaccati da slanci narcisistici e privi di quel moto virtuoso che De Amicis auspicava.

 

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lettrice Assorta ha detto:

    Recensione molto sentita e competente, sei davvero brava. Questo libro da come ne hai parlato sembra interessante e attuale, lo metterò nella mia lista di libri da leggere.

    Piace a 1 persona

    1. farfallapurpurea ha detto:

      Ma grazie! Così mi fai arrossire 🙂
      In effetti tratta tematiche attualissime e da cui mi sento molto toccata essendo genitore e per di più di ragazzi della stessa età dei protagonisti del libro

      Mi piace

  2. leparoleinfinite ha detto:

    Analisi superba

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.