Anatomia di uno scandalo –

L’autoreSarah Vaughan

Sarah Vaughan vive a Cambridge con il marito e due figli. Ha lavorato a lungo per «The Guardian» come giornalista politica e giudiziaria. Da queste esperienze sul campo ha ricavato l’ispirazione per il suo terzo romanzo, Anatomia di uno scandalo.

 

 

9788806234157_0_0_300_75Anatomia di uno scandalo

Sarah Vaughan

Traduttore:C. Palmieri
Editore:Einaudi
Genere: Romanzo contemporaneo
Sottogenere: Mistery/ Thriller psicologico/Suspense
In commercio dal: 19/06/2018
Pagine: 380
Descrizione: Westminster, Londra. James Whitehouse è un uomo di potere, un maschio attraente, un padre devoto. Ed è accusato di violenza sessuale da una donna con cui ha ammesso di aver avuto una relazione. La moglie Sophie è convinta della sua innocenza, ma le sue certezze, o forse le sue speranze, si scontrano con la tenacia di Kate, l’avvocata dell’accusa, determinata a colmare il divario tra giustizia e privilegio. La verità, come spesso accade, è complessa: affonda le radici in un passato lontano, tra i palazzi d’ardesia dell’università di Oxford, dove James e Sophie si sono conosciuti. E può far saltare in aria un matrimonio, un partito, un intero sistema di valori. Thriller psicologico, ritratto di famiglia e insieme giallo giudiziario, Anatomia di uno scandalo affronta con tempismo perfetto uno dei grandi nodi del nostro presente.
Un ministro Tory accusato di stupro, un’avvocata decisa a inchiodarlo e una moglie che non vuole credere di aver sposato un mostro. 

Recensione per MilanoNera
Maryella B.
Maryella B. – proprietaria del Blog Le Trame del destino: Libri e dintorni – è anche redattrice presso MilanoNera: la presente recensione è stata  pubblicata in precedenza su MilanoNera e solo in seguito inserita legittimamente nel Blog, in quanto spazio letterario proprio dell’autore della recensione. 
Che l’evento si sia verificato è fuori discussione. Entrambe le parti concordano su questo. Ciò che è in discussione è la natura di quel rapporto sessuale. È stato, come suppone la pubblica accusa, un atto violento…? È stato, di fatto, uno stupro? Oppure vi si può ravvisare… un gesto passionale, un impulsivo atto d’amore tra due persone in preda alla passione del momento?

Perfetta sintesi tra legal drama e thriller psicologico, Anatomia di uno scandalo è un’analisi sottile e scrupolosa, che si addentra all’interno di una tematica quanto mai attuale, in cui la verità assume contorni fragili e sfumati e la sua ricostruzione, oltre che incerta, è influenzata da un’esigenza imprescindibile: Oltre ogni ragionevole dubbio

Oltre ogni ragionevole dubbio: tale dev’essere la qualità delle prove affinché i giurati possano emettere un verdetto di colpevolezza. Ed è molto meno pregiudizievole, molto piú comprensibile la scelta di concedere il beneficio del dubbio.

Ma ancor prima di essere indagine giudiziaria, il bestseller di Sarah Vaughan esplora il mondo emotivo dei suoi personaggi, sposta il baricentro degli equilibri personali e relazionali,  sconvolge e altera certezze e speranze. Anatomia di uno scandalo seziona e mette in scena i conflitti interiori dei protagonisti, spogliandoli di ogni sovrastruttura, mentre semina dubbi e ritrae, con impietoso rigore, un sistema sociale influenzato dai privilegi, dalle apparenze e dalle subdole dinamiche di un mondo oscuro e corrotto.

Una brillante prova in cui la suspense  è dosata con maestria e amplificata da un alternarsi di punti di vista diversi, che imprimono dinamicità al plot e tratteggiano, con efficacia disarmante le esistenze degli attori coinvolti. Sono soprattutto le voci femminili a  segnare una trama in cui le suggestioni passano attraverso i pensieri, le emozioni e i segreti di due donne, mentre un inquieto passato inizia a filtrare  tra le maglie di una corazza pronta a cedere e mostrare le proprie crepe.

Nell’avvicendarsi dei loro punti di vista – e in una vicenda che si muove su due diversi piani temporali – prende vita il conflitto che esprime l’anima del romanzo: entrambe le protagoniste stanno mettendo in gioco tutto; entrambe hanno troppo da perdere, ed entrambe credono profondamente di poter ottenere giustizia. Una giustizia che per ognuna di loro assume una fisionomia diversa: Kate, è l’avvocato che sostiene l’accusa, mentre Sophie è una moglie che crede nel marito. Lo conosce bene. Crede in lui e nella solidità della vita e della famiglia che hanno creato insieme.

 Lui è innocente. Certo che lo è, e lei lo sa. L’ha sempre saputo, fin da quel terribile martedí in cui sono venuti ad arrestarlo. Conosce tutti i suoi punti deboli, e sa che non sarebbe mai capace di una cosa del genere. E quindi com’è possibile che si sia giunti a questo?

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Una storia che parrebbe molto attuale per questi tempi storici un po’ così e così.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.