Cosa resta di noi, Giampaolo Simi

Giampaolo Simi

Giampaolo Simi ha pubblicato Il corpo dell’inglese (2004) e Rosa elettrica (2007). I suoi libri hanno ricevuto vari premi e sono stati tradotti in Francia (nella «Série noire» di Gallimard e presso Sonatine) e in Germania (Bertelsmann). Ha collaborato come soggettista e sceneggiatore alle fiction «RIS», «RIS Roma» e «Crimini». Con Sellerio ha pubblicato Cosa resta di noi (Premio Scerbanenco 2015) e La ragazza sbagliata (2017).

Cosa resta di noiGiampaolo Simi

Cosa resta di noi

Premio Scerbanenco – La Stampa 2015

La memoria n. 996

312 pagine

Voto: 5/5

Descrizione: Un noir che disturba e sorprende, una tensione che sale piano come la marea. La storia di un amore che lentamente si trasforma in veleno, di un vuoto intimo che trasfigura una ragazza meravigliosa. In questo senso “Cosa resta di noi” fa pensare ai romanzi di Patricia Highsmith. Guia, la protagonista, chiama “morte vista al contrario” la sua impossibilità di avere un figlio: “una vita che non solo non inizia ma non riesce nemmeno ad essere concepita”. Eppure è una ragazza nata per essere felice, di antica famiglia, scrittrice indirizzata al successo, sposata con un uomo che ama ed è pazzo di lei. Ma è in questa unione di felici che si infiltra il “lutto al contrario” del figlio mancato, come una crepa che si allarga e non si può fermare. Edo, il marito, il Narratore, segue le scene da questo matrimonio che si sta suicidando, nel letargo dorato degli inverni in Versilia, mentre Guia riversa in un prossimo romanzo tutta la sua disperazione e scrive di un tempo diverso da quello che stanno vivendo. Intorno le quiete banalità di coloro che “hanno tempo, soldi ed energie in surplus”. Ma ad un tratto lo scenario cambia. Nella vita di Edo appare un’altra donna che però, pochi giorni dopo, svanisce nel nulla inspiegabilmente. La sua scomparsa diventa il caso del momento, segna l’irrompere di una realtà cieca e distruttiva nella crisi che Edo e Guia stanno cercando di affrontare.


Recensione

FarfallaPurpurea

Ma è la mia memoria che la dilata. Il tempo non è sempre lo stesso. Il tempo non è oggettivo, cambia densità, si fa vischioso. Non si ferma mai, è vero, ma altre volte gira su se stesso e ha il potere di risucchiarti in un gorgo. In quel gorgo, il presente è inghiottito dal passato e una donna…

Durante la lettura di Cosa resta di noi mi sono chiesta più volte se l’aggettivo incantevole potesse adattarsi a descrivere un noir e più volte mi sono detta  di ; perché il romanzo di Giampaolo Simi con le sue atmosfere quasi ovattate, il viaggio nei sentimenti, l’intreccio ben costruito, incanta e conquista; perché la sua prosa evocativa ed elegante ti avvolge e distrae. Distrae con una scrittura rassicurante, intrisa di suggestiva malinconia che nel suo intimo e garbato incedere fa abbassare la guardia al lettore facendogli quasi dimenticare che un noir scava, graffia, gronda sangue e sofferenza. Una storia intensa che tratta temi controversi e toccanti mentre le vite e la dimensione emotiva dei personaggi vengono scandagliate con arguzia e lucidità. La voce narrante di Edo domina la scena e proietta il lettore all’interno delle sue speranze, le angosce, le riflessioni che attanagliano.

Fino a quel momento non avevo mai valutato l’importanza che ha per una coppia riconoscere una sconfitta assieme. Una quantità inenarrabile di casini si incancreniscono se uno tratta la resa e l’altro continua ad affilare le armi. Un traditore e un illuso non possono convivere.

Ma non crediate, Cosa resta di noi, ha un’anima nera; di quel nero che non consola, che scuote mentre indaga e porta alla luce le debolezze e gli scabrosi istinti che sviliscono l’animo umano. Coscienze corrotte e alla deriva, relazioni complesse e morbose, ironia, istinto, inganni, distanza, fragilità marchiano a fuoco una trama in cui – come per ogni noir che si rispetti – protagonisti sono le persone e il loro universo emozionale.

 

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. l3oblogintheworld ha detto:

    L’ha ribloggato su L3O23.

    Piace a 1 persona

  2. maiunagioia4life ha detto:

    https://wp.me/p8KY2P-iD ciao ti ho taggato in un gioco molto divertente:) se ti va passa a dare un’occhiata;)

    Piace a 1 persona

    1. farfallapurpurea ha detto:

      Grazie, ho dato un’occhiata e sembra molto carino. Domani con calma do il mio contributo. Buona serata

      Piace a 1 persona

      1. maiunagioia4life ha detto:

        Grazie mille per partecipare ❤ buona serata anche a te!

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.