Il cacciatore di orfani, Yrsa Sigurðardóttir

Il cacciatore di orfani di [Sigurðardóttir, Yrsa]Titolo: Il cacciatore di orfani

Autore: Yrsa Sigurðardóttir

Edito da: Mondadori

Genere: Romanzo contemporaneo

Sottogenere: Thriller

Formato: Cartaceo/Digitale

Lunghezza di stampa: 478 p.

Voto: 5/5

Descrizione: Il rituale con cui è stato commesso l’omicidio allude chiaramente a una punizione. Ma quale colpa può giustificare una simile brutalità? L’unica persona in grado di rispondere è la figlia della vittima, una bambina di sette anni ritrovata nella stanza in cui sua madre è stata uccisa. Ma la bambina non parla. Fresco di promozione, il detective Huldar si rivolge a Freyja, una psicologa specializzata in traumi infantili, per cercare di raccogliere indizi che solo la bambina può rivelare. A Freyja l’idea di collaborare con Huldar non va per nulla a genio: mai avrebbe pensato di trovarsi sul lavoro l’uomo incontrato per caso in un bar e con cui ha trascorso una notte occasionale. Nel frattempo il killer non smette di mietere vittime e disseminare strani messaggi: una serie di indecifrabili combinazioni numeriche, rivolte particolarmente a un solitario radioamatore. Perché? Quale oscuro messaggio nascondono? Acclamata come la maggior scrittrice islandese di thriller, Yrsa Sigurðardóttir inaugura una serie straordinaria con al centro una coppia di investigatori imbattibile: un poliziotto e una psicologa, un tempo amanti e ora ai ferri corti, costretti a portare a termine la loro indagine più difficile.

L’autrice

Vilborg Yrsa Sigurðardóttir (Reykjavík24 agosto 1963) è una scrittrice islandese  .Yrsa si è diplomata alla Mentaskólinn di Reykjavík nel 1983 e successivamente è diventata ingegnere. Scrive dal 1998 sia libri per bambini che thriller. In Italia ha pubblicato i romanzi Il cerchio del maleMi ricordo di te e Cenere

Il cacciatore di orfani è stato primo nelle classifiche islandesi.



Recensione

Maryella B.

Maryella B. – proprietaria del Blog Le Trame del destino: Libri e dintorni – è anche redattrice presso MilanoNera: la presente recensione è stata  pubblicata in precedenza su MilanoNera e solo in seguito inserita legittimamente nel Blog, in quanto spazio letterario proprio dell’autore della recensione. 

Erano seduti lì da quasi mezz’ora. Di lì a poco avrebbero loro permesso di alzarsi, ma nessuno degli adulti che li stava guardando aveva voglia di arrivare a quel punto. Lo sconvolgimento recente nelle vite dei tre bambini sarebbe parso insignificante in confronto a ciò che li attendeva. Una volta che fossero usciti da lì, nulla sarebbe più stato come prima. Questa volta probabilmente il cambiamento sarebbe stato per il meglio, ma c’erano dei potenziali inconvenienti: svantaggi che alla fine avrebbero potuto superare i benefici. Era proprio questo il dilemma che il gruppo riunito intorno al tavolo doveva affrontare.

Vincitore dell’Icelandic Crime Book of the Year Award, Il cacciatore di orfani – pubblicato in lingua originale col titolo di DNA – consacra la sua autrice come la signora del thriller islandese. Yrsa Sigurðardóttir non tradisce le promesse; sa muoversi con assoluta disinvoltura all’interno del genere e riesce a costruire un intreccio articolato e credibile i cui contorni hanno il tratto inquietante di una follia spietata e morbosa. È una scrittura che non tergiversa la sua: da subito si addentra tra le pieghe intricate di una storia dal taglio angosciante e, in un sapiente alternarsi di momenti dall’atmosfera drammatica e altri dal clima  più disteso, accompagna il lettore alla scoperta della verità. Dialoghi curati, l’immediatezza di descrizioni precise e attente, un plot  interessante e mai approssimativo, danno sostanza a una trama che si svolge su più piani narrativi, in ognuno dei quali prendono vita fatti e personaggi. Con una prosa matura e consapevole l’autrice delinea senza difficoltà il carattere dei suoi interpreti rendendone in maniera vivida e autentica la dimensione emotiva; colti nei loro momenti quotidiani, nelle insicurezze, nei livori, nelle delusioni ma anche nelle speranze, i suoi protagonisti sono figure convincenti e tridimensionali. Tutti – anche se in maniera differente – diverranno vittime e pedine dell’insano delirio di una mente perversa. È un insolito quanto crudele assassino quello che nasce dalla penna della  Sigurðardóttir: uno psicopatico totalmente privo di coscienza le cui mosse sono guidate da sentimenti ossessivi e distorti.  Sembra colpire senza una ragione e lascia dietro di sé, oltre a uno scenario di macabra efferatezza, messaggi incomprensibili: un enigma complesso su cui sono chiamati a indagare il detective Huldar e la sua squadra.

Huldar si strofinò la faccia con forza. Le sue mani avevano bisogno di fare qualcosa, ma quando le riabbassò non si sentì per nulla diverso. Aveva nostalgia dei giorni in cui preoccuparsi dei progressi dell’indagine era un compito che spettava a qualcun altro. Quando era qualche ufficiale suo superiore a dover combattere con le domande su chi poteva ricorrere a un atto tanto brutale e se quel modo di agire poteva fornire qualche indizio sul movente dell’assassino. Ora non c’era modo di sfuggire alle responsabilità.

Responsabilità e indagini che sulle tracce di un mistero inafferrabile si intersecheranno con le vicende personali degli attori coinvolti, chiamati a fare i conti con pesanti sensi di colpa, legami traditi e aspettative disattese; un’inchiesta dai risvolti complessi che oltre alla verità, dunque, fa emergere tutta una gamma di emozioni e difficoltà relazionali con cui i protagonisti dovranno confrontarsi. Primo capitolo di una nuova e avvincente serie Il cacciatore di orfani porta a termine con successo il compito di assicurare il killer alla giustizia – svelandone identità e movente – ma lascia aperti tutti quei nodi e grovigli emotivi che hanno amplificato la tensione narrativa spingendola oltre i confini del thriller. Hanno ancora molto da dire i personaggi della Sigurðardóttir: sentimenti da esplorare, rapporti da concretizzare, scelte avventate a cui rimediare. Al lettore non resta che sperare di ritrovarli presto…

Un commento Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.