Free, Monica Lombardi

Free (Stardust #1)Titolo: Free

Autore: Monica Lombardi

Edito da: Emma Books

Genere: Romanzo contemporaneo

Sottogenere: Fantascienza

Formato: Ebook con Adobe DRM

Voto: ♥♥♥♥♥ (5/5)

Descrizione: Corpo e mente, le due componenti che formano l’essere umano. Natura e tecnologia, le due forze che per molto tempo si sono disputate la Terra. Nella Nuova Era, queste due facce si sono divise, dando luogo a due razze in precario equilibrio tra loro. L’incontro tra un uomo e una donna che non possono accettare le barriere che li separano. Un fuoco che divampa, un figlio che è, con la sua sola esistenza, una speranza di pace. Nessuna società può fermare un amore che non si lascia dividere. E se tutto, in un mondo che si è autodefinito “nuovo”, sembra ostacolarlo, la risposta può forse celarsi in un passato in cui le due razze erano ancora una. Il primo libro di una serie imperdibile che vi trasporterà in un mondo nuovo eppure sempre uguale, che vi farà viaggiare nel tempo sulla scia dello Stardust, la polvere di stelle, a fianco di uomini e donne che non si danno per vinti, determinati a lottare oggi per vincere domani.

L’AUTRICE

download (6)
Diventa fan

Monica Lombardi è nata a Novara da padre toscano e mamma istriana. Lavora come interprete e traduttrice freelance. Sposata, madre di due figli, vive da più di trent’anni a Cornaredo, in provincia di Milano, dove si divide tra la scrittura, le traduzioni e il suo ruolo di mamma.
Con Emma Books ha già pubblicato la commedia romantica Three doors – La vita secondo Sam Bolton e la serie romantic suspense GD Team, così composta: Vertigo (romanzo), Nicky (novella prequel), Free fall (romanzo), Alex (novella), Spiral (romanzo), Miriam (novella) e da una Guida, che comprende, tra le altre cose, un racconto di Natale. La serie Stardust, a cui questo romanzo appartiene, è stata inaugurata dal racconto Stardust – L’inizio.
Monica è anche autrice di una serie rosa crime di cui è protagonista il tenente della Homicide Unit di Atlanta Mike Summers. Ha partecipato all’antologia di Emma Books Gli uomini preferiscono le befane e Voci a Matera. Altri suoi racconti sono riuniti nella raccolta Bluegirl e altre storie  Sito ufficiale


Recensione

FarfallaPurpurea
le emozioni e i pensieri dei personaggi, il loro sentire, sono fondamentali… sono quello che ci lega a loro… non quello che vivono, che è fiction. Lo specchio della realtà è nelle emozioni. (cit. Monica Lombardi)
 Leggendo la descrizione di Free le lettrici di Monica Lombardi – e in generale quelle dei romance – potrebbero rimanere spiazzate dalla scelta dell’autrice di sperimentare un genere tanto lontano da quello a cui ci ha abituate; un genere all’apparenza inconciliabile coi desideri di chi in una storia cerca il calore delle emozioni, la fiamma dei sentimenti e il fuoco ardente della passione. Il termine fantascienza d’altronde evoca una realtà che poco ha a che vedere con queste prerogative: in esso risalta la freddezza di un mondo tecnologico, razionale, dominato da un’intelligenza rigorosa e calcolatrice. Fantasia e scienza sono unite a costruire un universo alternativo, stupefacente, eppure credibile perché trova totale giustificazione sul piano teorico, ma entrambe hanno poca familiarità con quella che, generalmente, è l’anima dei libri di Monica. Impaurite dalla possibilità di essere catapultate in un mondo nuovo anche le più fedeli tra le sue lettrici potrebbero lasciarsi sfuggire l’occasione di farsi sorprendere dall’inedito volto che la Lombardi ha dato ai suoi recenti romanzi. Ma per far vacillare le diffidenze di quanti sono certi che questo copione non faccia per loro basta poco; basta leggere con attenzione la sinossi che precisa come questo macrocosmo inconsueto e particolare è più che mai affine a ciò che ci ha sempre dato appagamento.  Un mondo sì nuovo, eppure sempre uguale: questa sintesi nasconde la vera essenza di Free e di tutta la serie Stardust. In questo mondo nuovo, eppure sempre uguale, ritroviamo la Monica Lombardi più autentica e consueta. Nulla è cambiato se non la cornice: il quadro è sempre lo stesso, dipinto con la solita maestria. Lo scenario distopico rappresenta l’ambientazione della storia – che si svolge su due piani temporali diversi – ma non ne snatura la sostanza. Ancora una volta è sul terreno delle emozioni, della passione e dei sentimenti più vivi e trascinanti che si gioca la partita.
Il primo bacio, lì in piedi contro il muro, era stato un tuono fragoroso che irrompe all’improvviso in una placida notte estiva, un’eruzione vulcanica inspettata, il primo fuoco che sorprende il pubblico a uno spettacolo pirotecnico. Persi in un’apnea voluta, cercata, le mani animate dalla frenesia di toccare ovunque, frustrate dagli spessi strati degli abiti invernali, non avevano mai raggiunto gli altri.
Pochi minuti dopo il primo contatto esplosivo si erano ritrovati nudi sui materassini, impegnati nel vero incontro che avevano entrambi cercato, inutilmente, di evitare. 
Questa nuova serie – iniziata con un breve prequel L’inizio (Stardust #0) scaricabile gratuitamente – di cui in primavera dovrebbe uscire il terzo e conclusivo episodio, diviene un vero e proprio stargate per viaggiare in un universo emotivo ed emozionale capace di coinvolgerci, trascinarci, toccarci attraverso le vicende interiori dei personaggi che incontreremo. L’elemento fantascientifico percorre tutta la storia ma senza dominarla: è dosato, amministrato con equilibrio e mai, in nessun momento, risulta estremizzato o disturbante.
Donne e uomini non sono alterati né nelle fattezze né nei bisogni e desideri; dotati di capacità fisiche e psichiche fuori dal comune non sono diversi da un Mike Summer, da un Jet Travis o da qualsiasi altro eroe che finora l’autrice ci ha fatto conoscere, anzi, ne diventano la massima sublimazione. Padri, madri, sorelle, amici, figli, uomini e donne che amano totalmente e senza riserve: sono questi i protagonisti di Free. Eroi speciali, ma non privi di fragilità, vi conquisteranno con la loro forza d’animo, con il tenero e totalizzante sentimento che solo un padre può provare per una figlia, con le insicurezze proprie di un amore che sta nascendo e non sa ancora correre su gambe salde, con l’insuperabile dolore di una perdita, con l’angoscia di un desiderio nel quale nonostante gli anni ancora ci si strugge, con la trepidazione dell’attesa, col tormento intenso e appassionante di ciò che è stato e non può essere rimosso, con la dolcezza e la devozione che solo una bambina fuori dal comune riesce a far nascere nei cuori di chi la circonda.
 Dopo la sua bravata aveva pensato di sgridarla, persino di metterla in punizione. Finché sua figlia non gli aveva confessato, gli occhi pieni di lacrime, che era sgattaiolata fuori dal Rifugio per cercare una nuova mamma, una nuova compagna per lui. Gli si era stretto il cuore e non aveva potuto fare altro che abbracciarla.
Non sto facendo un buon lavoro con lei, amore mio.
La familiare miscela di dolore e senso di colpa gli invase la mente e il cuore, un veleno che, lo sapeva, aveva il potere di paralizzarlo. Per questo vi si oppose con tutte le sue forze.
A ognuna di queste emozioni Monica Lombardi fornisce un corpo e un nome: Free, Rave, Mya, Luke, Ivan, Alexi, Dana, Jessica… In ciascuno di loro, come in ogni altro attore che appare sulla scena, l’autrice concretizza un’umanità tangibile che acquista slancio vitale grazie alla sua sensibile e acuta attitudine a farci entrare nell’anima dei suoi protagonisti. Qualunque sentimento si agiti in loro viene rilanciato, come in un gioco di specchi, consentendo il fluire intenso e diretto di ogni stato d’animo e riuscendo a creare tra personaggi e lettore quel legame che solo le sensazioni condivise e riconoscibili possono giustificare.
Voleva, con tutto se stesso, lasciare un ricordo indelebile in quella donna. Perché, ora che l’aveva trovata, doveva essere sicuro che non avesse fretta di staccarsi da lui, di dimenticarsi di lui… Schiacciata ora sotto di lui, gli cercò gli occhi quando lui si fermò, leggendovi tutte le sfumature che, riverberando da lui, l’avevano accarezzata e cullata fino a quel momento, al pari del suo corpo e delle sue mani. Rimasero immobili uno, due, tre battiti di cuore. Poi lui riprese a muoversi e questa volta ***** sapeva che non si sarebbe fermato. La prese con forza, una forza che lei restituiva andandogli incontro a ogni spinta, senza timore o ritrosia. Mani e labbra si cercavano e si tenevano con una dolcezza e un’intensità che le gonfiavano il petto e il cuore di qualcosa che non sapeva spiegarsi. Eccitazione, sì, entusiasmo, ma anche lo sgorgare di un’energia vitale. Di un calore che cancellava anni di gelo, come neve sciolta dal sole. La marea di sensazioni divenne inarrestabile e si infranse, con il fragore e la potenza delle onde dell’oceano sugli scogli, travolgendoli con la forza della natura, abbattendo ogni barriera.
E questo caleidoscopio di esperienze, turbamenti ed emozioni si intreccia con l’eroica impresa di una battaglia finalizzata al raggiungimento della pacifica convivenza tra due razze diverse, nella consapevole convinzione che le differenze di razza nulla hanno a che vedere con la superiorità dell’una sull’altra. Amore, amicizia, fedeltà, sacrificio, lungimiranza si scontreranno con l’odio, la fame di potere, la falsità, il tradimento in una cronaca ricca di tensione e suspense degne della migliore Monica Lombardi.

4 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.